Skip to main content

Benvenuta o benvenuto in questo importante articolo in cui tratteremo pilates e danza.

Come visto nei precedenti articoli, il metodo Pilates si presta ad essere sia un metodo riabilitativo per chi ha problematiche posturali, discali o altre patologie, sia un metodo di supporto agli sportivi e soprattutto ai danzatori.

Fin dall’origine il Pilates è stato utilizzato per addestrare militari, per curare persone con problematiche e per migliorare l’equilibrio, mobilità e fisicità dei ballerini.

pilates e danza

Pilates e danza: primi approcci con i danzatori

Il primo incontro Di Joseph Pilates con il mondo della danza avvenne negli anni venti di ritorno in Germania conobbe il grande coreografo Rudolf Laban( coreografo e studioso della danza).

Successivamente Joseph si trasferì a New York dove aprì il suo studio di Pilates accanto alla sede del New York City Ballet. Questa circostanza si rilevò fondamentale per la diffusione del suo metodo fra i danzatori.

I danzatori iniziarono ad avvicinarsi al Pilates a seguito di traumi più o meno seri al fine di intraprendere attività di riabilitazione.

Tra le maggior esponenti della modern dance Marta Graham è forse la prima a rielaborare l’insegnamento di Pilates e rielaborare il suo metodo, creando una vera è propria tecnica.

Il pilates entrò anche nel balletto classico successivamente, infatti George Balanchine consigliava ai propri allievi di andare da Joe per rinforzare la muscolatura e raggiungere un saldo equilibrio.

pilates e danza

Perchè il danzatore deve fare Pilates ?

Partiamo dal concetto che ogni sport o attività professionistica oltre a sviluppare degli adattamenti a carico metabolico, fisiologico e morfologico, si sviluppano anche degli atteggiamenti posturali e degli scompensi muscolari scorretti.

Il compito del Pilates in questo caso è di supporto per queste attività, in quanto attraverso un programma di lavoro personalizzato per l’atleta.

Grazie al Pilates è possibile compensare quelle carenze fisiche o quei difetti che possono essere sviluppati con il professionismo.

Si pensi che il lavoro dei danzatori (soprattutto nella danza classica) è prettamente in rotazione estera “en Dehors”.

Questo determina un coinvolgimento estremo dell’articolazione dell’anca, che in automatico subisce dei cambiamenti morfologici, tra le patologie più comuni tra i danzatori c’è l‘anca a scatto.

L’anca a scatto è una particolare condizione che si verifica nel momento in cui l’anca, quando si muove, provoca uno scatto vero e proprio) questa è determinata dal fatto che il femore non è allineato più correttamente all’interno dell’acetabolo.

Attraverso gli esercizi di Pilates si potrebbe in qualche modo compensare questa problematica.

pilates e danza

Come programmare una lezione di PIlates per Danzatori?

Per affrontare un programma di allenamento per danzatori è opportuno conoscere in minima parte il lavoro del danzatore, il tipo di stile o danza che pratica.

Una volta stabiliti i principi cardini bisogna capire le varie problematiche, e i vari scompensi che potrebbero essersi creati dall’attività.

Gli scompensi caratteristici della danza sono (extrarotazione, verticalizzazione della colonna, eccessivo lavoro dei piedi, dei glutei e delle gambe, eccessivo lavoro delle anche e delle ginocchia).

Impostare un piano di lavoro dove si va a lavorare in opposizione rispetto al lavoro che viene accentuato con la tecnica del balletto, sarebbe la miglior condizione.

Inoltre è opportuno impostare un lavoro in posizione neutra del bacino in modo da evitare la verticalizzazione della colonna vertebrale.

Se vuoi imparare a impostare una lezione di pilates e conoscere in maniera più approfondita il metodo clicca qui Corso di Ginnastica (Metodo Pilates Matwork) ONLINE – Wepa Science

lascia un commento

Avvia Chat Whatsapp
💬 Serve aiuto?
Ciao! 👋
Sono Alessandro di Wepa Science. Se hai bisogno di aiuto clicca qui e parliamo su whatsapp.