Skip to main content

La cervicobrachialgia (non farti spaventare dal nome altisonante) è una causa più comune di quella che pensi.

Ti faccio questa domanda:

Quante volte ti è capitato di avere sotto le tue mani un cliente che avverte dolore a livello cervicale che, a volte, si irradia sulla spalla?

E quante volte hai fatto fare ore e ore di tutti gli esercizi di stretching possibili senza risolvere nulla?

Immagina che disastro sarebbe se il tuo cliente decidesse di non allenarsi più con te perchè non riesci a risolvere questo problema andando cosi a ricascare non solo sul tuo nome, ma anche sul tuo portafoglio.

E tutto questo perchè?

Perchè hai preferito cercare “esercizi per dolore cervicale” su youtube e affidarti ai fantomatici guru copiando e incollando gli esercizi, senza applicare i veri principi che ti permettono di essere un vero professionista del settore.

Perciò arrivato a questo punto cosa perferisci fare?

Capire cosa e come intervenire in questi casi, oppure scrivere su internet “esercizi per cervicobrachialgia” ed essere uno dei tanti della massa senza arte ne parte?

cervicobrachialgia

Cervicobrachialgia: sintomi

Come sempre prima di tutto dobbiamo capire di che diavolo stiamo parlando.

Quando parliamo di cervicobrachialgia intendiamo un dolore che prende la zona cervicale, della spalla e del braccio e, a volte, arriva dino alle dita della mano.

Inoltre, cercare la causa del problema è come cercare un ago in un pagliaio (a meno che la persona che avete si affida a te non ha subito un trauma in quella zona).

Ma le persone che soffrono di questo problema, cosa ci riferiscono?

  • Rigidità nella zona cervicale, come una sensazione di pesantezza
  • Dolore diffuso riferendo mal di testa o dolore infrascapolare
  • Limitazione dei movimenti della testa, sopratutto in rotazione
  • Parestesie, debolezza dell’arto interessato che spesso si presenta al mattino
Cervicobrachialgia

Cervicobrachialgia: rimedi

Prima di dirti come puoi intervenire devi metterti bene in testa una cosa caro collega, e non smetterò mai di ripeterlo:

Ad ognuno il suo compito

Cosa significa?

Che non devi sostituirti al medico, il fisioterapista, l’osteopata di turno. Per questo motivo la persona che arriva di voi è preferibile (sopratutto se ci soffre in maniera importante e invalidante) che si consulti prima con un medico.

Detto questo la domanda che ti starai facendo ora sicuramente è “ma che cosa posso fare?”

Qui ti riporto alcune indicazioni operative, come una TO DO LIST:

  • lavorare sui muscoli periscapolari (romboidi, trapezio medio e inferiore per intenderci)
  • stretching della componente anteriore toracica (grande e piccolo pettorale per esempio)
  • controlla il diaframma: un cattivo lavoro di questo muscolo porta, per un trazione fasciale a mettere in tensione tutta la muscolatura cervicale
  • controlla la masticazione: una cattiva masticazione porta ad una tensione che può arrivare fino alla parte bassa del collo.
  • detensionare i nervi interessati: quelli del plesso brachiale che dal collo arrivano fino alla punta della mano
cosa fare con Cervicobrachialgia

Diventa un professionista della riabilitazione funzionale post clinica (Recovery)

Se desideri diventare un professionista nella prevenzione e desideri aiutare i tuoi clienti a ridurre il rischio di infortuni, allora scopri il nostro corso di Personal Trainer Recovery 3° Livello.

Pilates Matwork
Corso personal trainer
fitness specialist

lascia un commento

Avvia Chat Whatsapp
💬 Serve aiuto?
Ciao! 👋
Sono Alessandro di Wepa Science. Se hai bisogno di aiuto clicca qui e parliamo su whatsapp.